Diatermia con trasferimento transcutaneo di farmaci anti-infiammatori non steroidei nel trattamento delle patologie muscolo-tendinee da sport

http://www.minervamedica.it/it/riviste/medicina-dello-sport/articolo.php?cod=R26Y2014N01A0129

Diatermia con trasferimento transcutaneo di farmaci anti-infiammatori non steroidei nel trattamento delle patologie muscolo-tendinee da sport

Ganzit G. P., Albano M., Astegiano P.

Istituto di Medicina dello Sport FMSI, Turin, Italy

OBIETTIVO: Alcune lesioni da sport sono di difficile trattamento e possono richiedere l’abbandono dell’attività per lungo tempo. Ci proponiamo di valutare l’efficacia di un apparecchio che associa diatermia a radiofrequenze con trasferimento transcutaneo di farmaci in alcune patologie muscolo-tendinee a carattere acuto e cronico.

METODI: Sono stati presi in considerazione 69 soggetti (24 femmine e 45 maschi) fra i 18 e i 60 anni risultati affetti da patologie acute(29 casi) o croniche da sport (40 casi) diagnosticate clinicamente e con l’apporto solitamente dell’ecografia. I soggetti sono stati trattati con diatermia a 480 kHz abbinata a un segnale in onda quadra a bassa frequenza (70 Hz )per veicolare attraverso la cute 80 mg di ketoprofene. Sono stati sottoposti a 8 trattamenti (3 alla settimana a giorni alterni).

RISULTATI: Abbiamo rilevato dopo 3 settimane di trattamento una significativa riduzione del dolore valutato sia con VAS (mediana di riduzione 4 con IC al 95% da 2,8 a 4,2) che con parametri clinici. L’efficienza funzionale, valutata con indice di Steinbroker modificato, è migliorata significativamente. I miglioramenti sono risultati analogamente significativi nei casi acuti e cronici, nelle lesioni muscolari e nelle tendinopatie nelle diverse localizzazioni anatomiche. Abbiamo osservato variazioni ecografiche solo nel caso di lesioni muscolari acute.

DISCUSSIONE E CONCLUSIONI: La diatermia a onde medie con trasferimento transcutaneo di farmaci antiinfiammatori non steroidei ha evidenziato un effetto positivo sui processi di guarigione di lesioni da sport e sulla riduzione del dolore che appare generico in quanto non più efficace in specifiche patologie, sedi corporee, durata dei sintomi, età e sesso. Risulta un utile strumento nella terapia di patologie da sport dell’apparato muscolo-tendineo, con risultati mediamente simili a quelli ottenibili con altre metodiche come la tecarterapia e la diatermia a onde corte. Presenta però caratteristiche peculiari che possono risultare efficaci anche dove altri trattamenti hanno fallito come evidenziato in alcuni casi cronici.

lingua: Italiano, Inglese